Gli esperti ci dicono che non è il tradimento la causa più frequente dei divorzi. “E’ più il fatto che si annidano dei risentimenti che poi esplodono – ci spiega la psicoterapeuta Gianna Schelotto  -. Si cova invidia, l’altro è vissuto come quello che ha avuto più successo. Oppure il troppo lavoro, l’invadenza dei genitori, la mancanza di autonomia deteriorano il rapporto di solidarietà, di reciprocità e di amore”. La ricetta per uscirne è ovviamente soggettiva. «Ma è importante – dice Alessandra Lancellotti, psicologa e life coach  – cambiare il tran-tran quotidiano, proporre nuove visioni di sé. Se lei è teledipendente faccia lezioni di tango. Se lui sta troppo davanti al computer si metta a fare jogging. L’abitudine è un valore perché ci dà sicurezza ma diventa un disvalore quando non ci sono le sorprese che stimolano le sinapsi e fanno aumentare la dopamina, la noia è come uno stagno. E il tradimento a volte è un’iniezione di adrenalina».

LEGGI QUI L’ARTICOLO COMPLETO

Contatto rapido

Non sono disponibile al momento, ma potete lasciarmi un messaggio e vi risponderò al più presto. Grazie.

Fidatevi, l’età non conta: non è mai troppo tardicambiamente alessandra lancellotti curare depressione libro giornale piemonte liguria