Morti vere e molestie false?

La dottoressa Alessandra Lancellotti, la psicologa che all’epoca seguì la famiglia di Sagliano come consulente di parte nel processo, dopo i recenti scandali di Bibbiano e Angeli e Demoni chiede la riapertura del caso della famiglia Ferraro.

Prima di Veleno e del caso di Bibbiano, un’altra vicenda giudiziaria basata su abusi sessuali e violenze su minori sconvolse l’Italia. Quella di Sagliano, in cui si suicidò un’intera famiglia, accusata di questi crimini orrendi.

L’inchiesta Veleno prima, e il caso di Bibbiano poi hanno fatto emergere una verità allucinante che coinvolge, come vittime, i più indifesi, i bambini, illegittimamente sottratti ai loro genitori con le accuse più infamanti e vergognose, di quelle che ti restano appiccicate per la vita e che inducono gli altri a guardarti con sospetto pure se la giustizia ha stabilito la tua innocenza.

Ma prima di Reggio Emilia, e prima ancora delle storie da incubo della Bassa Modenese, c’è stato un altro caso, un fatto di cronaca inquietante ma oggi dimenticato, riportato alla luce da Selvaggia Lucarelli sulle pagine del Fatto Quotidiano prima, su Facebook poi.

Potete seguire la videoconferenza qui sotto

Contatto rapido

Non sono disponibile al momento, ma potete lasciarmi un messaggio e vi risponderò al più presto. Grazie.

malattia dolore e rete territoriale alessandra lancellotti conferenza ospedale niguarda milano marzo 2019Alessandra lancellotti cambiamente nuovo libro edizioni itaca psicologo life coach